778

La prima decisione della Cassazione sul nuovo delitto di inquinamento ambientale

15/12/2016
Sentenza Corte di Cassazione Penale, Sez. III, n. 46170 del 3 novembre 2016

In tema di delitti ambientali, ai fini della configurabilità del delitto di inquinamento ambientale (art. 452-bis c.p.), da un lato non rileva l’eventuale reversibilità del fenomeno inquinante, se non come uno degli elementi di distinzione tra il delitto in esame e quello, più severamente punito, del disastro ambientale di cui all’art. 452-quater c.p. e, dall’altro, l’accertamento della compromissione o del deterioramento normativamente richiesti quali condizioni per la sussistenza del reato non può limitarsi solo ad alcuni degli effetti prodotti dalla condotta, ma impone di considerare compiutamente quelle condizioni di “squilibrio funzionale o strutturale” che caratterizzano la condotta penalmente rilevante.
Fonte: www.quotidianogiuridico.it